This page needs JavaScript activated to work.
Menu

Design teatrale

Fondato dall’impresario teatrale e costruttore del Savoy Theatre, Richard D’Oyly Carte, l’hotel Savoy aveva più di una semplice affinità con il teatro quando fu inaugurato nel 1889. Senza un architetto a sovrintenderne la costruzione, il progetto dell’hotel fu firmato da un esperto costruttore di hotel, George Holloway. L’esterno fu progettato per assomigliare ad un hotel continentale alla moda in riva al mare. Lunghe file di balconi correvano lungo la facciata verso il fiume. Progettati dal designer di punta dell’Art Nouveau, A.H. Mackmurdo, i balconi offrivano cene all’aperto con una vista invidiabile sul Tamigi. Collinson & Locke, gli interior designer responsabili del Savoy Theatre, hanno impiegato la loro arte per gli interni dell’hotel con sfarzose modanature decorative e dorature nelle aree pubbliche e carte da parati floreali nelle camere degli ospiti. L’arredamento era classicamente vittoriano, ma decisamente lussuoso e confortevole.

Secolo nuovo, idee nuove

L’inizio del XX secolo vide la morte di Richard D’Oyly Carte nel 1901, e l’ascesa di suo figlio, Rupert, come nuovo amministratore dell’impresa. Nell’ultimo decennio del XIX secolo era stato acquisito un lotto vicino al Savoy Theatre, a nord dell’hotel originale. Nel 1903, il sito fu livellato e l’architetto Thomas Collcutt progettò l’isolato lungo lo Strand, girando la facciata dell’hotel verso questa strada. Nel nuovo secolo arrivò un arredamento nuovo, unificando lo stile tra ali vecchie e nuove dell’hotel. Il leggero stile edoardiano, tornato in auge con un revival degli interni in stile Robert Adam del XVIII secolo, sostituì il design vittoriano in tutto il Savoy. La Front Hall è un esempio inconfondibile dell’arredamento del 1904 di Collcutt & Hamp. Un’altra notevole testimonianza di questo periodo è la Sala da ballo Lancaster, progettata dall’architetto francese René Sergent nel 1910, che conserva ancora gli interni originali.

Art déco

Andiamo avanti veloce fino agli anni venti. Con la fine della Grande Guerra era giunto il momento di guardare al futuro. Almeno uno dei direttori dell’hotel andò a Parigi nel 1925 per l’Esposizione Internazionale di Arti Decorative e Industriali, e tornò pieno di entusiasmo per l'”arte moderna”, ora nota come art déco. Il primo interno art déco del Savoy fu la ristrutturazione della sala da pranzo privata Pinafore del designer britannico Basil Ionides nel 1926. Il design di Ionides è giunto fino ai giorni nostri. L’anno seguente, un giovane architetto di nome Howard Robertson, scrisse al Savoy chiedendo lavoro. La sua prima assegnazione fu quella di ricreare i bagni degli uomini, ma alla fine del 1929 Robertson svelò il suo design più importante e famoso, la celeberrima insegna “Savoy” in acciaio inossidabile sull’intera facciata verso Savoy Court. Robertson, in seguito Sir Howard Robertson, continuò a disegnare interni in stile art déco per il Savoy per diversi decenni, sebbene negli anni sessanta il dipartimento di interior design, guidato dalla nipote di Richard D’Oyly Carte, Bridget (poi Dame Bridget) D’Oyly Carte, si volse verso designer più moderni come Michael Inchbald per nuove idee per il Savoy.

Patrimonio storico

Un aumento di interesse per il patrimonio di vecchi edifici iniziato nel tardo XX secolo ha conseguentemente portato un cambiamento per l’hotel. La ristrutturazione e il restauro attento con l’aiuto di fotografie di riferimento dagli archivi dell’hotel erano ormai all’ordine del giorno. Questi nuovi interni, sebbene chiaramente moderni, si adattavano meglio all’ambiente storico. I due stili di design predominanti in tutto l’hotel erano ancora quello edoardiano e quello art déco. Per questo motivo, il designer francese Pierre-Yves Rochon ha usato queste due correnti per guidare il progetto di restauro, che ha richiesto la chiusura del Savoy nel 2007 per una ristrutturazione completa. L’hotel è stato riaperto nel 2010, magnificamente restaurato e pronto per affrontare lo stile del XXI secolo.

Potrebbe interessarvi anche

Junior Suite River View

Le Junior Suite River View offrono una vista panoramica sul Tamigi e sui monumen…

Sala da ballo Lancaster

La Sala da ballo Lancaster del Savoy è una delle sale da ballo più grandi, più a…

Beaufort Bar

Le decorazioni nere e dorate del romantico Beaufort Bar evocano il fascino di un…